Non è privilegiato il credito del lavoratore sulla contribuzione versata al fondo pensione

Le Sezioni Unite civili della Cassazione, con la Sentenza n. 16084 del 9 giugno 2021, hanno affermato che i versamenti effettuati dal datore di lavoro nel fondo di previdenza complementare hanno natura previdenziale e non retributiva.
I giudici hanno precisato che questo vale sia qualora il fondo di previdenza complementare abbia un'autonoma personalità giuridica, sia nel caso in cui lo stesso consista in una gestione separata del datore medesimo. Pertanto, se la società è assoggettata ad una procedura concorsuale, il credito del lavoratore sulle suddette somme è chirografario e non privilegiato.

TOP