L'ILLEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE DELL'ARTICOLO 18 LIMITATAMENTE ALLA PAROLA "MANIFESTA"

Con sentenza n. 125 del 19 maggio 2022, la Corte costituzionale dichiara l'illegittimità costituzionale dell'articolo 18, comma 7, secondo periodo, della Legge n. 300/1970 limitatamente alla parola "manifesta". Infatti tale norma prevede che, in caso di insussistenza del fatto, per disporre la reintegra occorra un quid pluris rappresentato dalla dimostrazione della "manifesta" insussistenza del fatto stesso, posto alla base del licenziamento per giustificato motivo oggettivo

Secondo la Consulta, il requisito della manifesta insussistenza è indeterminato e demanda al giudice una valutazione sfornita di ogni criterio direttivo e priva di un plausibile fondamento empirico. Infatti, tale condizione, complicando alcuni passaggi del processo, vanifica l'obiettivo della rapidità e della più elevata prevedibilità delle decisioni in quanto impegna le parti (e il giudice) nell'ulteriore verifica della più o meno marcata graduazione dell'eventuale insussistenza.

 

TOP