CREDITO IMU PER IL TURISMO:
SUL SITO DELL’AGENZIA I DUE SOFTWARE

Uno consente la compilazione dell’autodichiarazione e la creazione del file da inviare in via telematica l’altro evidenzia anomalie e incongruenze tra i dati del modello e le specifiche tecniche

 

Al via le domande per il credito IMU Turismo. Dopo il provvedimento del 16 settembre 2022, che ha definito il modello e le istruzioni per richiedere la misura di sostegno, disponibili sul sito dell’Agenzia anche i software di compilazione e di controllo per l’invio delle istanze. Il primo serve a compilare l’autodichiarazione e a creare il relativo file da inviare telematicamente, il secondo a evidenziare, mediante appositi messaggi di errore, le anomalie o incongruenze riscontrate tra i dati contenuti nel modello di dichiarazione e nei relativi allegati e le indicazioni fornite dalle specifiche tecniche e dalla circolare dei controlli.

L’agevolazione introdotta dal decreto "Ucraina" (articolo 22 del Dl n. 21/2022) prevede un credito d’imposta, da utilizzare esclusivamente in compensazione, pari al 50% dell’importo versato a titolo di seconda rata Imu 2021 per gli immobili accatastati D/2.

Per beneficiare del credito d’imposta gli operatori devono inviare all’Agenzia l’autodichiarazione che attesti l’esistenza dei presupposti stabiliti dalla Comunicazione della Commissione europea del 19 marzo 2020 C(2020) 1863 final “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'economia nell'attuale emergenza del COVID-19”.

La finestra temporale per l’invio delle autodichiarazioni si apre oggi, mercoledì 28 settembre, e termina il 28 febbraio 2023.

 

TOP