Via libera alla bozza della nuova finanziaria

Assegno unico per i figli fino a 21 anni, sgravio, per il prossimi triennio, per le assunzioni di donne ed under 35, blocco dei licenziamenti confermato sino al 31 marzo accompagnato da ulteriori 12 settimane di cassa integrazione, interventi in materia di politiche attive del lavoro, supporto ai patronati e potenziamento delle risorse per gli investimenti fatti nell’ambito dell’industria 4.0

Queste le principali misure contenute nella prima bozza della Finanziaria 2021 predisposta dal Governo, sostenuta da una dotazione di 38 miliardi di Euro raccolti in deficit e di altri 15 derivanti dal Recovery Fund e approvata ieri in sede di Consiglio dei Ministri.

Il provvedimento sarà ora oggetto di confronti fra l’Esecutivo e le parti sociali.

TOP