Sismabonus "Acquisti": Sì al 110% se la vendita è entro il 2021

Con Risposta ad Interpello 2 novembre 2020, n. 515, l'Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti in merito all'acquisto di case antisismiche e la possibilità di fruire del Superbonus 110% ed altre detrazioni.

In particolare, l'Agenzia ha precisato che:

• affinché gli acquirenti delle unità immobiliari possano beneficiare della detrazione prevista dall'articolo 16, comma 1-septies, D.L. n. 63/2013, così come integrata dall'articolo 119, D.L. n.34/2019, e quindi della detrazione maggiorata al 110%, è necessario che l'atto di acquisto relativo agli immobili oggetto dei lavori sia stipulato entro il 31 dicembre 2021; non è quindi sufficiente che entro tale data vi sia la fine dei lavori;

• la detrazione è ammessa anche nell'ipotesi di un immobile demolito e ricostruito e tale intervento abbia comportato un aumento volumetrico rispetto a quello preesistente, sempreché le disposizioni normative urbanistiche in vigore permettano tale variazione (Circolare n. 19/2020);

• la detrazione di cui al citato comma 1-septies, art. 16, D.L. n. 63/2013 deve essere calcolata, nel limite massimo di spesa di 96.000 euro, sul prezzo risultante dall'atto di compravendita. Tale limite è unitariamente considerato per l'immobile principale e per la relativa pertinenza, anche se accatastati separatamente;

• è ammesso il "bonus mobili" in caso di interventi effettuati dall'impresa di costruzione, in quanto, per gli interventi finalizzati alla riduzione del rischio sismico, l'articolo 16-bis, TUIR costituisce la disciplina generale di riferimento;

• è riconosciuto il sismabonus "acquisti" anche a soggetti titolari del reddito d'impresa in relazione ad immobili della società che siano oggetto dell'attività esercitata (i.e. beni merce).

TOP