Rettifica INPS sulla sospensione dei versamenti contributivi: Escluse le zone arancioni

L'INPS, con Circolare n. 129 del 13 novembre 2020, che sostituisce la precedente Circolare dell'Istituto n. 128 del 12 novembre 2020, interviene nuovamente in materia di sospensione dei versamenti contributivi in scadenza oggi, 16 novembre 2020, disposta dall'articolo 11, commi 1 e 2 del Decreto Legge n. 149/2020 (c.d. Decreto "Ristori bis"), evidenziando che, con riferimento ai datori di lavoro privati che esercitano in via prevalente una delle attività riconducibili ai codici ATECO elencati nell'Allegato 2 (di fatto, il settore commercio), la misura sospensiva trova applicazione limitatamente a coloro i quali abbiano unità produttive od operative ubicate nelle zone rosse (dunque, nelle Regioni Lombardia, Valle d'Aosta, Piemonte, Calabria e nella Provincia Autonoma di Bolzano) e non anche, come indicato nella Circolare n. 128/2020, nelle zone arancioni (Puglia, Sicilia, Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria).

TOP