Per imprese e lavoratori dal Governo nuove risorse

Attraverso uno spostamento di bilancio da 35 miliardi, l’Esecutivo si prepara a varare nuove azioni a supporto di tessuto produttivo e addetti.

Tra i provvedimenti che rientreranno nel quinto Decreto Ristori, ulteriori 26 settimane di cassa integrazione, limitatamente ai settori più colpiti dalla crisi, che si aggiungeranno alle 12 già approvate in precedenza, contributi, tra i 10 e i 15 miliardi di Euro, per le imprese maggiormente penalizzate dalle restrizioni sanitarie, conferma dello stop ai versamenti previdenziali per le aziende che faranno rientrare i dipendenti al lavoro e, da ultimo, una possibile proroga del blocco dei licenziamenti circoscritta però ai segmenti più in difficoltà.

Con la nuova azione finanziaria, salgono così a 140 i miliardi in deficit utilizzati dal Governo per contrastare la pandemia, 108 dei quali già impegnati nel 2020.

In riferimento a questi ultimi, nel dettaglio, 48 sono stati usati per sostenere le aziende (interventi fiscali inclusi), 35 il lavoro, 12 gli enti territoriali, 8 la sanità e 4,5, infine, il potenziamento dei servizi pubblici e sociali.

TOP