Obblighi informativi per erogazioni pubbliche ricevute dalle imprese – Scadenza 30 giugno 2020

Il 30 giugno p.v. scade il termine ultimo per l’adempimento agli obblighi di trasparenza delle erogazioni pubbliche, introdotto dalla legge annuale per il mercato e la concorrenza (art. 1, commi 125-129, legge 4 agosto 2017, n.124) e successivamente modificato dal “Decreto crescita” (art. 35, decreto 30 aprile 2019, n.34, convertito con modificazioni dalla legge 28 giugno 2019, n.58).

Ambito oggettivo di applicazione

Per erogazioni pubbliche, nel contesto in esame, si intendono le “sovvenzioni, i sussidi, vantaggi, contributi o aiuti, in denaro o in natura, non aventi carattere generale e privi di natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria”effettivamente erogate dalle Pubbliche Amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2 del d.lgs. 30 marzo 2001, n.165 nonché dai soggetti di cui all’articolo 2-bis del d.lgs. 14 marzo 2013 n.33 nell’esercizio finanziario precedente.

La formulazione della norma - e in particolare il riferimento agli atti “non aventi carattere generale”– porta ad escludere dall’obbligo di trasparenza i vantaggi economici ricevuti sulla base di un regime generale (quali, ad esempio, agevolazioni fiscali o contributi che vengono dati a tutti i soggetti che soddisfano determinate condizioni) e a limitare l’ambito oggettivo di applicazione ai rapporti bilaterali - peraltro privi di natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria - tra soggetto pubblico, o comunque riconducibile alla sfera pubblica, ed impresa.

Rientrano negli obblighi di trasparenza solo le erogazioni di ammontare pari o superiore a 10.000 euro, nel periodo considerato. Tale limite va inteso "in senso cumulativo, riferendosi al totale degli apporti pubblici ricevuti e non alla singola operazione" (in tal senso cfr. circolare Ministero del lavoro n.2 dell'11 gennaio 2019).

Ambito soggettivo di applicazione e modalità di adempimento

I soggetti interessati all’adempimento sono riconducibili a due categorie:

associazioni, fondazioni e Onlus, nonché le cooperative sociali che svolgono attività a favore degli stranieri (di cui al d.lgs. n.286/1998);

imprese.

I soggetti del primo gruppo adempiono agli obblighi di trasparenza pubblicando le informazioni relative alle erogazioni pubbliche, ricevute nell’esercizio finanziario precedente, sul proprio sito internet o analogo portale digitale, entro il 30 giugno di ogni anno.

Per quanto riguarda le imprese:

i soggetti tenuti ad iscriversi al Registro delle imprese ai sensi dell’articolo 2195 c.c. – che cioè esercitano un’attività industriale diretta alla produzione di beni o servizi, un’attività intermediaria nella circolazione dei beni, un’attività di trasporto per terra, acqua o aria, un’attività bancaria o assicurativa, altre attività ausiliarie alle precedenti – hanno l’obbligo di pubblicare gli importi e le informazioni relative ai benefici ricevuti nella nota integrativa del bilancio di esercizio e in quella dell’eventuale bilancio consolidato. In questo caso i tempi di pubblicazione seguono quelli di approvazione dei bilanci annuali.

I soggetti che redigono il bilancio in forma abbreviata ai sensi dell’articolo 2435 bis del codice civile e quelli che comunque non sono tenuti alla redazione della nota integrativa (micro-imprese, imprese individuali e società di persone) hanno l’obbligo di pubblicare gli importi e le informazioni relative ai benefici ricevuti sui propri siti internet, secondo modalità liberamente accessibili al pubblico o, in mancanza di questi ultimi, sui portali digitali delle associazioni di categoria di appartenenza, entro il 30 giugno di ogni anno.

Si precisa che per gli aiuti di Stato e gli aiuti de minimis contenuti nel Registro nazionale degli aiuti di Stato è prevista una modalità semplificata di adempimento. La registrazione degli aiuti nel predetto sistema, con conseguente pubblicazione nella sezione trasparenza ivi prevista, operata dai soggetti che concedono o gestiscono gli aiuti medesimi ai sensi della relativa disciplina, tiene luogo infatti degli obblighi di pubblicazione, a condizione che venga dichiarata l’esistenza di aiuti oggetto dell’obbligo di pubblicazione nell’ambito del Registro nazionale degli aiuti di Stato nella nota integrativa di bilancio oppure, laddove non tenute alla redazione della nota integrativa, sul proprio sito internet o, in mancanza, sul portale digitale delle associazioni di categoria di appartenenza.

Regime sanzionatorio

A partire dal 1° gennaio 2020, in caso di inosservanza degli obblighi di trasparenza è prevista una sanzione amministrativa pari all’ 1%degli importi ricevuti, con un importo minimo di 2.000 euro, e la sanzione accessoria dell’adempimento della pubblicazione.

Decorsi 90 giorni dalla contestazione senza che il trasgressore abbia ottemperato agli obblighi di pubblicazione e al pagamento della sanzione amministrativa pecuniaria, si applica la sanzione della restituzione integrale del beneficio ai soggetti eroganti.

Il soggetto competente ad irrogare la sanzione è l’Amministrazione pubblica che ha erogato il beneficio o, in difetto, l’Amministrazione vigilante o competente per materia.

TOP