Le vacanze sulla neve quest’anno saranno da dimenticare

Salvo un deciso e costante miglioramento della situazione sanitaria e un ripensamento nell’ennesimo DPCM, quello del 3 dicembre, per gli italiani le vacanze sulla neve saranno cosa da dimenticare.

Il Governo, nelle ultime ore, ha già preannunciato che le piste rimarranno con ogni probabilità chiuse nonostante un protocollo di sicurezza condiviso da numerosi ambiti territoriali del Nord Italia per garantire lo sci in sicurezza.

Durissime le reazioni di numerose amministrazioni regionali che evidenziano come, lo stop agli impianti, significherà l’annichilimento di economia ed occupazione per intere vallate.

Delle “scelte strategiche” dell’Esecutivo Conte potrebbero beneficiare però gli operatori economici di altri Paesi in quanto Austria, Germania, Slovenia e Svizzera stanno lavorando per poter accogliere gli appassionati sui loro tracciati.

Lo sci, ad oggi, nel nostro Paese, produce un fatturato fra i 10 e i 12 miliardi di Euro, un terzo del quale realizzato proprio a dicembre e gennaio e assicura, solo in termini diretti, almeno 400mila posti di lavoro.

TOP