Indicazioni INPS sull’ ambito applicativo della sospensione dei versamenti contributivi

L'INPS, con la Circolare n. 128 del 12 novembre 2020, fornisce alcune indicazioni in merito alla sospensione dei termini relativi ai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali in scadenza nel mese di novembre 2020, prevista dall'articolo 13 del DL n. 137/2020 e dall'articolo 11 del DL n. 149/2020.

Per quanto riguarda la platea dei soggetti interessati, ai sensi del comma 2 dell'articolo 13, sono destinatari della sospensione i datori di lavoro privati la cui sede operativa è ubicata nel territorio dello Stato, che svolgono come attività prevalente una di quelle riferite ai codici ATECO riportati nell'Allegato 1 al DL n. 149/2020. Ai sensi del comma 2 dell'articolo 11, sono altresì destinatari della sospensione i datori di lavoro privati la cui sede operativa è ubicata nelle c.d. zone arancione e rossa, che svolgono come attività prevalente una di quelle riferite ai codici ATECO riportati nell'Allegato 2 al DL n. 149/2020.

Sotto quest'ultimo profilo, la Circolare in parola precisa che, agli effetti della sospensione dei termini relativi ai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali in scadenza nel mese di novembre 2020, gli ambiti territoriali sono individuati dall'Ordinanza del Ministro della Salute del 4 novembre e del 10 novembre 2020, come segue:

• zona arancione: Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana, Umbria, Puglia e Sicilia;

• zona rossa: Calabria, Lombardia, Piemonte, Valle d'Aosta e Provincia Autonoma di Bolzano.

L'eventuale variazione, nel corso del mese di novembre, della collocazione delle Regioni e delle Province autonome, rispetto alle c.d. zone gialle, arancioni e rosse, non ha effetti per l'applicazione della sospensione contributiva.

TOP