Indennità sostitutiva di ferie non godute: Il datore versa i contributi anche dopo 18 mesi dalla maturazione

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 26160 del 17 novembre 2020, ha chiarito che l'indennità sostitutiva delle ferie non godute è soggetta a contribuzione nonostante siano decorsi 18 mesi dalla maturazione, ed inoltre, che tale obbligo contributivo persiste anche quando il rapporto di lavoro sia ancora in corso.

Gli ermellini infatti, nell'accogliere le pretese contributive dell'INPS, hanno precisato che il suddetto obbligo è inderogabile poiché nasce direttamente dalla legge ed è integralmente sottratta all'autonomia privata.

TOP