In arrivo 1.000 euro dal Decreto Ristori 5 per i lavoratori dipendenti stagionali operanti nel settore del turismo e degli stabilimenti termali e anche in somministrazione

La crisi di Governo ha rallentato notevolmente l’approvazione definitiva del decreto Ristori 5 che secondo gli ultimi aggiornamenti slitterebbe ancora per qualche settimana.

Tuttavia, la bozza della misura, atta ad agevolare lavoratori e famiglie con diversi aiuti economici, è già stata divulgata.

Tra i bonus presenti per il 2021, spicca anche quello relativo a cosiddetti lavoratori stagionali del turismo.

Dei 32 miliardi di euro dello scostamento di bilancio 5 miliardi saranno destinati ai lavoratori. Nel documento, si parla anche di indennità per le partite IVA e della nuova cassa integrazione.

IN ARRIVO 1.000 EURO DAL DECRETO RISTORI 5 ANCHE PER QUESTA CATEGORIA DI LAVORATORI

Secondo le ultime notizie, si apprende che il bonus di 1.000 euro che dovrebbe essere confermato nel decreto Ristori 5, in questi giorni, sarà destinato anche a:

a) i lavoratori dipendenti stagionali operanti nel settore del turismo e degli stabilimenti termali. Anche in somministrazione. I quali a causa delle conseguenze della pandemia hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro. Il periodo temporale preso in esame è quello che va dal 1° gennaio 2019 all’entrata in vigore del provvedimento. Tali lavoratori, inoltre, devono aver svolto la prestazione lavorativa per almeno trenta giornate nel periodo indicato sopra.

b) I lavoratori dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali che tra il 1° gennaio 2019 e l’entrata in vigore del provvedimento che hanno cessato, sempre involontariamente, il rapporto di lavoro. Anche in questo caso, i lavoratori devono aver svolto la prestazione lavorativa per almeno trenta giornate nel periodo indicato.

Infine, tra le condizioni per ricevere l’indennizzo Covid-19, i lavoratori del turismo e degli stabilimenti termali non devono essere titolari di pensione e non devono essere percettori di Naspi.

TOP