Fitness sull’orlo del baratro

Sostegni economici insufficienti che coprono non più dell’8% delle perdite subite, investimenti fatti per l’adeguamento delle strutture inutilizzati, esposizioni bancarie impossibili da fronteggiare e nessuna certezza per il futuro.

Tra i settori maggiormente colpiti dalla pandemia rientra anche il comparto del fitness settore, come evidenziano numerosi imprenditori, che ha trovato ben poca attenzione nell’ambito delle azioni di supporto alle imprese.

Uno scenario che, in assenza di una ripartenza a breve termine, potrebbe tradursi nella perdita in Italia di oltre 50 mila posti di lavoro.

TOP