Demansionamento: Spetta all'azienda provare l'impossibilità di un impiego adatto al livello della lavoratrice

Il datore di lavoro deve risarcire la lavoratrice adibita a mansioni inferiori a causa del suo stato di salute, anche qualora la stessa non risulti idonea a compiere tutti gli incarichi derivanti dal suo livello di inquadramento.

È quanto ha statuito la Corte di Cassazione con l'Ordinanza n. 25394 dell'11 novembre 2020, con la quale ha precisato che ricade sull'azienda, a maggior ragione se di grandi dimensioni, l'onere di provare l'impossibilità di impiegare la suddetta lavoratrice in attività appropriate al suo inquadramento.

TOP