COVID-19: Obblighi prevenzionali assolti applicando le prescrizioni del protocollo di regolamentazione per il contrasto al Covid – 19 nei luoghi di lavoro

Pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 143 del 6 giugno 2020, la Legge n. 40 del 5 giugno 2020 di conversione, con modificazioni, del Decreto Legge n. 23/2020 recante “Misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, di poteri speciali nei settori strategici, nonché interventi in materia di salute e lavoro, di proroga di termini amministrativi e processuali”.

 

Di particolare rilievo, nella legge di conversione del DL23, l’introduzione dell’articolo 29-bis “Obblighi dei datori di lavoro per la tutela contro il rischio di contagio da COVID-19” il quale prevede che i datori di lavoro pubblici e privati adempiano agli obblighi prevenzionali dettati dall’articolo 2087 del codice civile “Tutela delle condizioni di lavoro” mediante l’applicazione delle prescrizioni contenute nel Protocollo sottoscritto dalle Parti Sociali il 24 aprile 2020 nonché negli altri protocolli e linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in ambiti analoghi. Viene inoltre espressamente richiesta l’adozione e il mantenimento delle misure ivi previste.

 

La norma prevede infine che, qualora non trovino applicazione le predette prescrizioni, rilevano le misure contenute nei protocolli o accordi di settore stipulati dalle organizzazioni sindacali e datoriali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

TOP