Bonus baby sitter 2021: Tutte le istruzioni aggiornate

Requisiti, caratteristiche, modalità di richiesta e pagamento dei nuovi bonus baby sitter COVID. Attivata la procedura per le domande.

Il nuovo bonus baby sitter per Covid istituito per il 2021,  dall'ultima legge di bilancio può finalmente essere richiesto sulla piattaforma INPS. L'istituto ha avvisato l'9 aprile 2021  che la procedura è stata aggiornata con le nuove caratteristiche , importi e categorie di aventi diritto .

Con la circolare 58 di ieri 14 aprile l'INPS ha fornito ulteriori chiarimenti  in materia.

Vediamo di seguito una guida per punti 

Bonus baby sitting COVID 2021: a chi spetta e quando

Hanno diritto a scegliere la corresponsione di uno o più  bonus per l'acquisto di servizi di baby-sitting   per i figli conviventi minori di anni 14 anche disabili , nei casi di i sospensione della didattica in presenza o infezione  o quarantena  da Covid, verificatisi tra il 1 gennaio e il 30 giugno 2021,   a favore delle seguenti categorie :

  • i lavoratori iscritti alla gestione separata INPS, in via esclusiva,
  • i lavoratori autonomi iscritti alle gestioni INPS e alle casse previdenziali private
  • il personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, impiegato per le esigenze connesse all'emergenza COVID-19, 
  • i medici infermieri tecnici di laboratorio, tecnici radiologi, operatori socio-sanitari dipendenti del settore sanitario, pubblico e privato accreditato, 
  •  medici di base e pediatri di libera scelta in convenzione, ostetrici, soccorritori, autisti, medici e personale sanitario del servizio 118, se convenzionati con le Asl.

Bonus baby sitter: importo, domanda e pagamenti 

Il bonus baby sitter 2021 ammonta a 100 euro settimanali e potrà essere chiesto   tramite il servizio online Bonus baby sitting con credenziali SPIN PIN INPS CIE o CNS al seguente percorso: “Prestazioni e servizi” > “Tutti i servizi” > “Domande per Prestazioni a sostegno del reddito” > “Bonus servizi di baby sitting D.L.30/2021”; o anche, gratuitamente presso i Patronati.

Il requisito della convivenza con il figlio sarà verificato dall'INPS sulla base dei dati dell'anagrafe competente. 

Il bonus viene erogato mediante il libretto famiglia  INPS, che richiede l'iscrizione alla piattaforma inps (con SPID , o CNS o CIE) sia del genitore che della persona che presta servizio come baby sitter, prima di effettuare la domanda di bonus.

La comunicazione delle prestazioni di baby sitting potrà essere effettuata entro il 30 settembre 2021

L' inps accredita sul libretto telematico gli importi relativi ai periodi richiesti e il genitore deve poi inserire orari e date delle prestazioni effettuate dalla persona incaricata, che riceve l'accredito sul suo conto dall'INPS entro il mese successivo.

Il bonus può anche essere erogato, in alternativa, direttamente al richiedente, con bonifico sul conto corrente indicato nella richiesta: in caso di iscrizione ai centri estivi, ai servizi integrativi per l'infanzia, servizi socio-educativi territoriali, ai centri con funzione educativa e ricreativa per i disabili e ai servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia.  

INCUMULABILITÀ BONUS E CONGEDI COVID 2021

Il bonus baby sitting 2021 non spetta se l'altro genitore ha altre tutele come cassa integrazione o indennità o fruisce del congedo straordinario COVID.  

Resta confermata anche l'incumulabilità del bonus baby sitter con bonus asilo nido. 

Per i giorni in cui un genitore svolge la prestazione di lavoro in modalità agile o fruisce del congedo oppure non svolge alcuna attività lavorativa o è sospeso dal lavoro, l'altro genitore non può fruire dell'astensione dal lavoro o del bonus, salvo che sia genitore anche di altri figli minori di anni quattordici avuti da altri soggetti che non stiano fruendo di alcuna delle misure. 

 Il bonus è compatibile con il congedo di maternità, quello parentale e le ferie.

Bonus baby sitter Covid 2021: chi può fare da baby sitter 

Nella circolare 58 INPS precisa che:

  •  il voucher baby sitter non può essere utilizzato per remunerare nonni o parenti in genere fino al terzo grado, mentre
  •  è ammessa la prestazione lavorativa aggiuntiva da parte di un soggetto che abbia o abbia già avuto un rapporto di lavoro regolare con la famiglia negli ultimi 6 mesi.

Per prestazioni da parte di pensionati va posta attenzione al fatto che il compenso va a cumularsi con la pensione con possibile sospensione dell'assegno nel caso si tratti di Quota 100 o pensione anticipata lavoratori precoci (incumulabili con redditi da lavoro) o riduzione dell'importo dell'assegno di invalidità.

TOP