Agenzia delle Entrate: Decreto Rilancio, Art.124 – Detergenti disinfettanti

L'Agenzia delle Entrate ha fornito ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina Iva agevolata applicabile ai beni necessari per il contenimento dell'emergenza COVID 19, introdotta, come noto, dall’articolo 124 del Decreto Rilancio.

L’istanza riguarda un commerciante al dettaglio di articoli per l'igiene della casa e della persona, casalinghi, piccoli elettrodomestici ed altro che chiede se il regime agevolato sia applicabile per tutti quei prodotti che rientrano nel codice di classificazione "TARIC 3401 XXXX", "TARIC 3402 1200" e "TARIC 3808 94", nello specifico "detergenti disinfettanti per mani".

L’Agenzia delle Entrate, nel richiamare i chiarimenti forniti con la circolare n. 26/E del 2020, ricorda che in merito ai detergenti, l’intento del legislatore è quello di agevolare i soli prodotti per le mani con potere disinfettante e in particolare i biocidi o presidi medico chirurgici.

Come indicato dall'ISS nel Rapporto COVID-19, n. 19/2020 versione del 13 luglio 2020 e n. 25/2020 del 15 maggio 2020, solo la disinfezione ha un'azione virucida, battericida o fungicida ossia un'azione volta a distruggere, eliminare o rendere innocui i microrganismi. A tale fine però devono essere utilizzati i biocidi (BPR) o i presidi medico chirurgici (PMC), cioè disinfettanti autorizzati in genere dal Ministero della Salute o dall'ISS, che obbligatoriamente riportano in etichetta il numero di registrazione/autorizzazione.

L’Agenzia chiarisce che questi prodotti non vanno confusi con i comuni igienizzanti per le mani, esclusi dall'ambito oggettivo di applicazione dell'articolo 124, per i quali, al pari dei detergenti, non è prevista alcuna autorizzazione, essendo sufficiente la conformità alle normative in materia di detergenti o di cosmesi.

Pertanto, fermi restando i codici doganali individuati dall'ADM, ritiene che rientrino nell'ambito oggettivo di applicazione dell'articolo 124 non tutti i prodotti corrispondenti a questi codici TARIC, bensì solo i biocidi e i presidi medico chirurgici autorizzati per l'igiene umana (PT1) e quelli utilizzabili sia per l'igiene umana sia per disinfettare le superfici (PT1/PT2), il cui o i cui principi attivi devono rispettare le percentuali indicate dall'ISS nel Rapporto 19/2020 Rev. In tale documento è ad esempio previsto che sono efficaci per la disinfezione della cute i PMC o i biocidi con etanolo compreso tra il 73,6 e 89 per cento nonché quelli a base di etanolo e 1-propanolo con concentrazione di etanolo del 65 per cento.

Posto che trattasi di prodotti soggetti alla preventiva autorizzazione dell'autorità competente (in genere, il Ministero della salute), in assenza di questa autorizzazione o nelle more della stessa, la relativa cessione non potrà beneficiare del regime di cui all'articolo 124 del decreto Rilancio.

Da ultimo ricorda che l'ADM, nella circolare n. 12/D, ha associato alla voce "detergenti disinfettanti per le mani" i codici doganali ex 34011100, ex 34011900, ex 34012010, ex 34012090, ex 34013000, ex 34021200, ex 380894; tra questi prodotti vanno individuati solo i detergenti disinfettanti per le mani, con le suddette caratteristiche.

TOP