Adeguamento registratori di cassa: Proroga al 2021

Nello specifico è stata spostata prima dal 1° luglio 2020 al 1° gennaio 2021, e poi al 1° aprile 2021, la scadenza entro la quale, chi effettua operazioni di commercio al minuto e attività assimilate, per le quali non è obbligatoria l’emissione della fattura (se non richiesta dal cliente) e chi emette ricevute fiscali (artigiani, alberghi, ristoranti, ecc.), dovrà munirsi di un registratore di cassa telematico in grado di memorizzare e trasmettere online i dati dei corrispettivi giornalieri all’Amministrazione Finanziaria.

Come riportato nel provvedimento del 23 dicembre: “considerate le difficoltà legate alla situazione emergenziale in corso provocata dal Covid-19 e recepite le richieste provenienti dalle associazioni di categoria, il provvedimento firmato oggi, 23 dicembre 2020 dal direttore dell’Agenzia, Ernesto Maria Ruffini, posticipa di tre mesi la data di utilizzo del nuovo tracciato telematico per l’invio dei corrispettivi e quella di adeguamento dei registratori telematici”.

“Viene modificato dal 1° gennaio 2021 al 1° aprile 2021 la data di avvio dell’utilizzo esclusivo del nuovo tracciato telematico dei dati dei corrispettivi giornalieri “TIPI DATI PER I CORRISPETTIVI – versione 7.0 – giugno 2020”, e del conseguente adeguamento dei Registratori telematici”.

Vengono prorogati al 31 marzo 2021 anche i termini entro i quali i produttori possono dichiarare la conformità alle specifiche tecniche di un modello già approvato dall’Agenzia delle entrate.

L’adeguamento riguarda anche i registratori acquistati di recente, i quali se non aggiornati, da aprile non saranno in grado di inviare i dati degli incassi all’Agenzia delle Entrate, con conseguente irrogazione delle sanzioni previste. Sempre entro fine anno, i registratori di cassa, dovranno essere anche adeguate a consentire la partecipazione dei clienti alla lotteria degli scontrini.

TOP