Ad Ostuni i commercianti hanno partecipato all'iniziativa targata Fenailp per protestare contro i disagi e le discriminazioni attuate dal governo con l'ultimo DPCM.

La FENAILP della Provincia di Brindisi, ha manifestato quest’oggi ad Ostuni presso la scalinata Antelmi in piazza Sant' Oronzo, con tutte le piccole e medie imprese associate, per esprimere il disappunto circa le discriminazioni attuate dal governo con l’approvazione dell'ultimo DPCM.

Grazie al fattivo contributo della coordinatrice della "Città Bianca" Angelica Milone, sono stati numerosi gli Operatori del Terziario che hanno aderito all'iniziativa, molti gli esponenti del mondo politico tra cui il Consigliere Regionale di Fratelli d'Italia Luigi Caroli "I lavoratori a partita iva sono stati e continuano ad essere messi a dura prova dalla pandemia.

Per questo, mi faccio portavoce dei disagi di tutte le partite iva della provincia di Brindisi, confermando loro il mio impegno affinché possano disporre nell’immediato di misure concrete di ristoro e di misure a sostegno della loro ripartenza, appena le condizioni generali lo permetteranno.

Le Istituzioni non possono e non devono lasciarvi soli!"

Cosimo Lubes Vice Presidente Nazionale e Presidente Provinciale della Federazione Nazionale Autonoma Imprenditori e Liberi Professionisti Fe.N.A.I.L.P. di Brindisi, afferma "sono molto soddisfatto per la riuscita della manifestazione targata Fenailp, numerosi Esercenti hanno aderito, ed hanno voluto così testimoniare il grave disagio che come tutti i colleghi Italiani stanno attraversando in questi mesi. Purtroppo, ha continuato Lubes, le continue scelte e la gestione sbagliata del governo non fanno altro che creare su tutti i territori allarmismi e preoccupazioni. Nonostante la ferma posizione della Fenailp, come attestano le numerose missive trasmesse al Premier Conte, abbiamo dovuto assistere nei mesi scorsi, allo spreco e allo sperpero del denaro pubblico che invece di investirlo nella sanità e trasporto pubblico, hanno tirato fuori dal cilindro Bonus vacanze per farci uscire per poi rinchiuderci!!! Sono stati sperperati soldi pubblici in modo sbagliato. bonus senza senso per l'acquisto di sedie con le ruote per scuole chiuse, bonus per bici i monopattini, internet e quant'altro una vera assurdità. Desidero ricordare che le infezioni da covid non si sono verificate nei pubblici esercizi o nelle attività di vicinato. Anche la gestione degli aiuti mirati, solo ed esclusivamente a determinate categorie è stata sbagliata.

TOP